La scuola

La scuola viene istituita nel comune di Palermo nell’anno 2001.

E’ ubicata in Piazza P.pe di Camporeale 35 con secondo ingresso da Via PROSPERO INTORCETTA 7, dove un ampio spazio consente ai genitori di accedere con la macchina. L’edificio ha uno splendido contorno: il Palazzo della Zisa e Villa Malfitano. La nostra scuola dell’infanzia è costituita da tre sezioni che fanno affidamento su due insegnanti abilitate ed è fornita di servizio mensa. Il pranzo è cucinato dalla nostra cuoca e la cucina è in regola con tutti i requisiti richiesti dall’ufficio igiene (periodicamente un biologo appositamente assunto effettua tutti i controlli igienici).

La scuola dispone di locali ampi e confortevoli. Gli arredi sono a norma e confacenti al tipo di scuola. Tutti gli spazi e i servizi sono concepiti a misura di bambino. La struttura infatti è facilmente fruibile dai piccoli utenti.

La struttura a disposizione della scuola materna è dotata di:

  • Una sala d’ingresso
  • Ampi corridoi
  • Ampie aule con armadietti per ogni bambino
  • Ampie sale giochi con zona biblioteca/lettura
  • Un grande refettorio
  • Un’ampia stanza arredata e ben organizzata per il riposo
  • Servizi igienici per i bambini conformi alle norme e adeguati al numero.
  • Una cucina ben organizzata rispondente alle più restrittive norme igieniche di sicurezza
  • Una dispensa alimentare
  • Un deposito materiali pulizia
  • Spogliatoi e bagni diversificati per il personale di cucina e il resto del personale
  • Bagno H
  • Una sala infermeria per le visite pediatriche e provvista di tutto ciò che serve per piccoli interventi di pronto soccorso
  • Un ufficio amministrazione
  • Un ampio spazio attrezzato all’esterno
  • Un giardino

La scuola è aperta tutti i giorni dalle 7.30 alle 18:00.

I bambini durante la giornata sono impegnati in attività sia didattiche che ricreative; seguono un programma intero settimanale redatto dall’ insegnante e supervisionato dalle direttrici.

Le attività didattiche si suddividono in attività psicomotorie, di manipolazione (lavorazione di pasta di sale e pasta reale), attività sonoro-musicali, attività grafico-pittoriche e per i più grandi attività di precalcolo e di prescrittura.

Le suddette attività ritrovano nel gioco una risorsa privilegiata di apprendimento e di relazione.